testata_web_pdo_5arancione.jpg
teaser_1_si_cambia_980x89.jpg

Elettrodotto nel barese. Ma qual ė il prezzo storico-ambientale da pagare?

Un elettrodotto dall'Albania fin nel cuore della provincia di Bari. In pochi lo sanno ed ancor meno sono preoccupati dalle conseguenze ambientali che una struttura del genere potrebbe portare se non adeguatamente controllata e monitorata.

In pratica la linea toccherebbe terra a Polignano (lo immaginate un elettrodotto sulla splendida scogliera polignanese?) e raggiungerebbe Casamassima,  nell'entroterra, dove sorgerebbe una nuova centrale di accumulo, trattamento e smistamento.

Sull'ipotesi di realizzare un elettrodotto che importerà energia dall'Albania con terminal a Polignano a Mare, è intervenuto il Consigliere Regionale di Realtà Italia, Tommy Attanasio, peraltro impegnato in Consiglio anche sulla discussione circa un ulteriore progetto che interessa altre zone pregiate della Puglia, il Gasdotto di Melendugno.

"Stiamo parlando in un opera che, nei fatti, taglierà in due il paese di Polignano a Mare, unico e prezioso nella suo straordinario rapporto con il mare: le sue coste alte e scoscese sono di una irripetibile e rara bellezza".

Come se questo già non fosse sufficiente per imporre un serio ripensamento sul punto d'approdo dell'elettrodotto, che partirà da Durazzo, va ricordato che la centrale elettrica terminale graverà necessariamente su altri paesaggi e luoghi di enorme pregio storico, archeologico, naturalistico e turistico.

Attanasio li enumera: "Mola, Conversano, Rutigliano, Turi, Casamassima, dove dovrebbe infine sorgere la centrale vera e propria, sono zone conosciute da tutti gli studiosi del mondo antico e antichissimo. Insediamenti rupestri, preistorici, megalitici che già in anni passati, con la dissennata politica edilizia che ha creato spesso solo cattedrali nel deserto, hanno rischiato di scomparire o di venire gravemente danneggiate".

Attanasio chiede massima attenzione da parte di tutto il Consiglio regionale prima di concedere il nulla osta al decreto ministeriale del 19 settembre 2013, con il quale si autorizzava Enel Produzione Spa a procedere con l'Elettrodotto. Il quale, conclude Attanasio "non ha neanche il fascino di un qualcosa che possa, nei fatti, aumentare l'offerta di posti di lavoro in maniera così consistente da poter far accettare al territorio una simile e irreversibile devastazione".

 

Scritto da Roberto Mastrangelo
Newsletter



IMAGE
IMAGE
Decaro: io o Olivieri
Martedì, 07 Gennaio 2014
Non si conosce ancora la decisione dell'onorevole... Read More...

Locations

  • Redazione - Via Abate Gimma, 163 - Bari
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • 084 - 5213360

Puglia d'oggi per il Sociale

Has no content to show!

Style Setting

Fonts

Layouts( inner pages )

Direction

Template Widths

px  %

px  %