testaa_web_pdo_5rosso.jpg
teaser_1_raccontiamolapuglia_980x89.jpg

Ancora azioni per le università del sud discriminate

Ancora azioni da parte delle università del Meridione affinché il ministro Carrozza riveda il contenuto del recente decreto. Ne parla il senatore D'Ambrosio Lettieri mentre continuano le forme di protesta del “Coordinamento del personale Tecnico Amministrativo precario Uniba”.

Il sen. d'Ambrosio Lettieri, capogruppo Forza Italia- PdL,12^ Commissione Senato, ha dichiarato in una nota: «Il Governo fa orecchie da mercante sul decreto punti organico, fortemente penalizzante per gli Atenei del Sud, mentre il presidente Vendola lancia appelli tardivi ai parlamentari pugliesi fingendo forse di ignorare che su mia iniziativa, dopo l'interrogazione presentata già ad ottobre, agli inizi di novembre PdL, Pd e Scelta Civica hanno fatto fronte unico in Senato approvando un ordine del giorno che impegna il governo a correggere il meccanismo di assegnazione dei punti organico, tenendo conto delle cessazioni dal servizio del personale, della sostenibilità edell’equilibrio economico-finanziario e patrimoniale, nonché del contesto economico, territoriale e infrastrutturale di ciascun ateneo».

Il senatore ha, inoltre, aggiunto: «Il Governo ha il dovere di rivedere il meccanismo di finanziamento delle università. Occorre mettere fine ad una sperequazione ingiusta e dannosa che non consentirà alle università meridionali, in particolare a quelle di Bari e di Foggia, tra le più penalizzate, da un lato di assumere, dall’altro di mantenere inalterate le tasse di iscrizione - concludendo con fermezza - Non ci fermeremo davanti ad un provvedimento che, insieme ai rettori pugliesi, riteniamo profondamente ingiusto e discriminatorio nei confronti soprattutto degli atenei del Mezzogiorno a favore di quelli del Nord».

Nel frattempo continuano le proteste nell'Università degli Studi "Aldo Moro" di Bari è, infatti, previsto a partire delle ore 9:00 del 2 dicembre 2013, il proseguimento delle azioni della campagna "Lutto sociale" al fine di richiamare ancora una volta l’attenzione sulla drammatica, urgente condizione sociale e professionale delle 60 unità di personale tecnico amministrativo precario che stanno per essere licenziate e per ribadire ancora una volta la richiesta di esperire soluzioni tecniche che salvaguardino il personale in scadenza.

Nel corso del presidio sarà chiesto a tutta la Comunità Accademica di firmare una petizione per “Non licenziare 60 lavoratori tecnico amministrativi” il 31 dicembre 2013.

 
Scritto da Alessia Colaianni
Newsletter



IMAGE
IMAGE
Decaro: io o Olivieri
Martedì, 07 Gennaio 2014
Non si conosce ancora la decisione dell'onorevole... Read More...

Locations

  • Redazione - Via Abate Gimma, 163 - Bari
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • 084 - 5213360

Puglia d'oggi per il Sociale

Has no content to show!

Style Setting

Fonts

Layouts( inner pages )

Direction

Template Widths

px  %

px  %