testata_web_pdo_5arancione.jpg
teaser_1_si_cambia_980x89.jpg

Speciale Solidarietà: Cooperativa Sociale Per.La

Un personal computer, un proiettore, materiali di cancelleria: sono queste le piccole ma fondamentali esigenze della Cooperativa Sociale Per.La., dal 2009 impegnata sul territorio – la struttura ha sede a Bari, nel quartiere Japigia - nell'assistenza a ragazzi autistici o affetti dalla sindrome di Asperger.

Necessità semplici ma significative: attraverso attività e laboratori - riuso creativo, realizzazione di cortometraggi o cartoni animati, cucina – la cooperativa riduce lo scarto fra normotipo e ragazzi con disabilità. L'assistenza “classica” lascia spazio allo stare insieme “alla pari”, per infondere negli utenti della comunità la consapevolezza del “posso farcela anch'io”.   

“Per seguire i ragazzi adottiamo l'approccio cognitivo-comportamentale – spiega Ilenia Bonadies, coordinatrice dei servizi della cooperativa – Proponiamo esperienze adatte a tutti, sia per avvicinare due mondi spesso interpretati come contrapposti, sia per insegnarli ad essere il più possibile autonomi”. 

Accanto alle attività in struttura, tra le quali un corso di cucina ideato per permettere ai ragazzi di preparare piatti semplici, la cooperativa prevede uscite, incursioni nelle realtà solitamente concepite come “meno adatte” alle persone con disabilità. “Portiamo i ragazzi nei pub, al cinema, li accompagniamo a fare shopping – racconta Ilenia – e li abituiamo a provvedere da soli alle loro esigenze, come ordinare, chiedere informazioni, pagare il conto”.

Per.La è una cooperativa privata. Le risorse economiche per mandare avanti la struttura, remunerare  educatore ed operatrici ed organizzare le attività provengono quasi esclusivamente dalle spalle – e dalle tasche – delle famiglie. In tutto questo, “Bari fa poco, lo stretto indispensabile – commenta Ilenia – Garantisce i diritti di chi usufruisce dei servizi ma non è vicina a chi lavora nel settore”. 

Ilenia lamenta le difficoltà, per una piccola realtà cooperativa, di fare rete con gli altri operatori del sociale. “Non vogliamo essere un servizio d'élite, per cui spesso cerchiamo finanziamenti pubblici, attività nelle scuole, progetti PON – puntualizza Ilenia – È complesso per le piccole cooperative partecipare ai bandi pubblici, perché spesso si tratta di gare al ribasso che non considerano  progettualità e qualità degli interventi proposti”.

Scritto da Lino Castrovilli
Newsletter



IMAGE
IMAGE
Decaro: io o Olivieri
Martedì, 07 Gennaio 2014
Non si conosce ancora la decisione dell'onorevole... Read More...

Locations

  • Redazione - Via Abate Gimma, 163 - Bari
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • 084 - 5213360

Puglia d'oggi per il Sociale

Has no content to show!

Style Setting

Fonts

Layouts( inner pages )

Direction

Template Widths

px  %

px  %