testata_web_pdo_5arancione.jpg
teaser_1_raccontiamolapuglia_980x89.jpg

Savinuccio Parisi: estorsione e metodo mafioso. Un nuovo ordine di arresto

La burocrazia e le lungaggini della giustizia hanno rinviato per oltre un anno l'esecuzione di una ordinanza di custodia cautelare in carcere ai danni del boss di Japigia Savinuccio. I finanzieri del G.I.C.O. del Nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza di Bari hanno eseguito soltanto questa mattina un’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti del noto boss di Bari Savino Parisi, per il reato di estorsione aggravata dal metodo mafioso.

Le indagini, coordinate dalla Direzione Distrettuale Antimafia, si erano concluse nello scorso mese di gennaio con la richiesta di applicazione di misura cautelare che veniva, però, rigettata dal Giudice per le Indagini Preliminari. A seguito di appello presentato dalla Procura, il Tribunale della Libertà, nel mese di luglio disponeva l’applicazione della richiesta misura cautelare, provvedimento, però, che rimaneva sospeso in attesa delle determinazione della Suprema Corte di Cassazione adita dai legali del Parisi.

Martedì scorso la Cassazione si è pronunciata rigettando il ricorso della difesa e determinando, pertanto, l’esecutività del provvedimento cautelare oggi notificato al Boss, già recluso per altra causa presso il carcere di Biella.

Secondo le indagini condotte dal G.I.C.O., avvalorate anche dalle dichiarazioni fornite da un collaboratore di giustizia, i vertici di un’azienda di Modugno (BA) sarebbero stati costretti a versare in più soluzioni al capoclan Savinuccio Parisi un’ingente somma di denaro, quantificata in circa 700.000 euro, al fine di ottenere il permesso di allontanare dall’impresa soggetti vicini al Clan, la cui assunzione era stata imposta.

Ma al boss Savino Parisi viene contestata anche un’ulteriore condotta delittuosa: avrebbe infatti costretto un altro imprenditore barese, ad assumere la propria figlia. Tuttavia, secondo l’accusa, la ragazza percepiva il suo stipendio mensile di 900 euro, a fronte di un'attività lavorativa pressoché inesistente.

Le condotte delittuose ascritte al Parisi sono aggravate, oltre che dall’utilizzo del metodo mafioso, anche dal fatto di averle commesse in un periodo in cui era sottoposto alla misura della sorveglianza speciale.

Scritto da Redazione
Newsletter



IMAGE
IMAGE
Decaro: io o Olivieri
Martedì, 07 Gennaio 2014
Non si conosce ancora la decisione dell'onorevole... Read More...

Locations

  • Redazione - Via Abate Gimma, 163 - Bari
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • 084 - 5213360

Puglia d'oggi per il Sociale

Has no content to show!

Style Setting

Fonts

Layouts( inner pages )

Direction

Template Widths

px  %

px  %