testaa_web_pdo_5blu.jpg
teaser_1_si_cambia_980x89.jpg

Comuni Ricicloni 2013: qualche bella sorpresa ma ancora tanto da fare

Rutigliano, Monteparano, Cellamare e Troia sono i quattro "Comuni Ricicloni" che quest'anno hanno ricevuto il riconoscimento di Legambiente per aver avviato un modello di gestione dei rifiuti orientato al recupero.

Rutigliano, nel 2012, con 18.157 abitanti, ha superato decisamente il limite minimo del 65% di raccolta differenziata imposto dalla legge nazionale, con una percentuale media del 79,7%, rappresentando così un esempio virtuoso di ottima politica di gestione dei rifiuti e della raccolta differenziata. Segue immediatamente il Comune di Monteparano che, piazzandosi al secondo posto con il 70,3% nel 2012, ha perso il primato mantenuto per tre anni consecutivi; al terzo posto, c'è il Comune di Cellamare, con 5.827 abitanti, che ha raggiunto il 70% nel 2012 e, infine, Troia, con il 65,9%.

Una nota positiva, ad esempio, riguarda San Severo che ha conseguito per il secondo anno consecutivo il Premio di Seconda Categoria per aver raggiunto una percentuale media del 57,2% di raccolta differenziata, un risultato davvero eccellente rispetto al recente passato e che ancora una volta certifica i progressi in campo ambientale e di vivibilità del Comune.

«La svolta non è dietro l’angolo – dichiara Francesco Tarantini, presidente di Legambiente PugliaSì, perché nella nostra regione si registrano percentuali di raccolta differenziata ancora troppo basse, intorno al 18%. Questo anche a causa della continua proroga dell’entrata in vigore dell’ecotassa (L.R. 38/2011), che in altre regioni, come ad esempio Marche e Sardegna, ha portato ad un incremento annuale della differenziata di dieci punti percentuali. I Comuni virtuosi devono essere premiati economicamente e l’ennesima proroga dell’ecotassa al 2015 sarebbe un grave errore. La Puglia continua ad essere fra le regioni che continuano ad affidarsi alla discarica per smaltire la maggior parte dei propri rifiuti urbani (pari al 59%). A confermarlo pure il trend decisamente negativo dei Capoluoghi di Provincia ».

Infatti il Comune di Brindisi, sebbene sia al primo posto, è riuscito a raggiungere solo il 31,7% di raccolta differenziata, Andria si piazza al secondo posto con una percentuale ancora del 26,8% nel 2012, poiché il nuovo modello "porta a porta" è partito solo dal mese di settembre 2012. Sul terzo gradino del podio Bari, che registra solo il 23,4% e, a seguire, Barletta con il 20,8%. Critica la situazione a Lecce (16,5%), Trani (15,1%) e Taranto (12,9%) mentre sono disastrose le condizioni della raccolta differenziata a Foggia dove si è fermi al 2,4%.

«Un plauso ai comuni, ai sindaci e alle comunità virtuose pugliesi che continuano a distinguersi nella classifica della raccolta differenziata, ma soprattutto nella attenzione verso l’ambiente - ha dichiarato il presidente Anci Puglia, Luigi Perrone - Ribadiamo la richiesta al governo regionale per una proroga dell’ecotassa. Bisogna tendere alla chiusura del ciclo dei rifiuti nella nostra regione, ma serve procedere al completamento della dotazione impiantistica sulla base delle esigenze del territorio. A tal fine ANCI Puglia ha chiesto alla Regione la previsione di risorse nella nuova programmazione 2014-20. Siamo consapevoli del compito che spetta ai Comuni, il riordino istituzionale del settore può condurre ad un contenimento della spesa pubblica, ad una migliore qualità dei servizi, ma è importante il rafforzamento e l'efficienza della governance locale, il ruolo fondamentale dei Comuni, la titolarità delle funzioni e la rappresentatività del territorio».

Stefano Ciafani, vice presidente nazionale di Legambiente ha concluso dicendo che «Per fare in modo che si possa ridurre e riciclare prima di tutto occorre infine rivedere il sistema degli incentivi: la discarica e il recupero energetico devono essere le due opzioni più costose, il riciclaggio e la prevenzione quelle più economiche. Solo così potremo rendere l’Italia “rifiuti free", facendola diventare uno dei paesi capofila di quella società europea del riciclaggio ben delineata nella normativa comunitaria più recente».

Scritto da Alessia Colaianni
Newsletter



IMAGE
IMAGE
Decaro: io o Olivieri
Martedì, 07 Gennaio 2014
Non si conosce ancora la decisione dell'onorevole... Read More...

Locations

  • Redazione - Via Abate Gimma, 163 - Bari
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • 084 - 5213360

Puglia d'oggi per il Sociale

Has no content to show!

Style Setting

Fonts

Layouts( inner pages )

Direction

Template Widths

px  %

px  %