testaa_web_pdo_5rosso.jpg
teaser_1_raccontiamolapuglia_980x89.jpg

Asl, 30 attestati per i manager pubblici

 

Ieri mattina, nel Salone degli Affreschi dell’Ateneo di Bari, si è svolta la cerimonia conclusiva con la consegna dei 30 attestati della III edizione del corso di Alta formazione per funzionari e dirigenti ASL. Per Francesco De Nicolo, presidente della FARE: “Stiamo preparando una nuova classe di funzionari della Pubblica Amministrazione giovani e capaci”.

La Federazione delle associazioni regionali degli Economi e Provveditori della Sanità (FARE) ha formato 30 nuovi funzionari e dirigenti Asl dell’area patrimonio. “Una nuova classe giovane e capace”, ha spiegato il presidente, Francesco De Nicolo, nella cerimonia di consegna degli attestati di un master che ha coinvolto le città di Napoli, Roma, Pescara, Matera e Bari.

“Le professionalità nel mondo della sanità ci sono e le Regioni – ha aggiunto De Nicolo - devono solo utilizzarle al meglio per riorganizzare questo settore. E’ formando professionisti di ottimo livello sul  piano burocratico ed etico che strutture come la “Centrale unica di acquisto” possono funzionare nel modo migliore, tenendo conto anche delle realtà locali”. Con l’entrata in vigore delle norme sulla spending review – è emerso durante l’incontro - si è reso indispensabile formare, in questa direzione, anche i nuovi manager della sanità.

“Il momento che stiamo vivendo  -  secondo Giangiuseppe Console presidente del Si.Na.F.O (Sindacato Nazionale Farmacisti Ospedalieri) - non è dei più facili. Proprio per questo serve una sinergia fra tutti i soggetti coinvolti verso un unico scopo: risparmio e migliore assistenza per il cittadino”.

Il direttore scientifico del corso, Claudio Amoroso, si è poi soffermato sul percorso di questi tre anni nell’alta formazione: “Siamo partiti da un aggiornamento in tema di normativa sugli appalti, poi siamo passati alla diagnostica di laboratorio e al marketing di acquisto, approfondendo non  solo le procedure, ma mantenendo un occhio attento sul mercato. Per il futuro è importante un’aggregazione di Asl, o ancora meglio di regioni, almeno al Centro- Sud, per condividere un sistema di gare cercando una uniformità di sistema. Solo in questo modo si può raggiungere il traguardo del miglior prezzo”.

Di tagli e sovraesposizione normativa ha poi parlato Giuseppe Nuzzolese, direttore d’Area Patrimonio della Asl Bat. “Ci sono troppe norme che male impattano sulla sanità a fronte di tagli lineari e indiscriminati e dei blocchi nell’approvvigionamento di beni e servizi. In questo quadro già poco rassicurante, va aggiunta l’assenza dello spazio di negoziazione da parte dei Provveditori”.

“Tutto dovrebbe passare – ha detto Ignazio Zullo, capogruppo di Forza Italia al Consiglio regionale della Puglia - da un maggior controllo nella gestione degli acquisti. Le Centrali uniche di spesa non devono avere requisiti così restrittivi da ridurre le gare a due soli soggetti”.

Scritto da Redazione
Newsletter



IMAGE
IMAGE
Decaro: io o Olivieri
Martedì, 07 Gennaio 2014
Non si conosce ancora la decisione dell'onorevole... Read More...

Locations

  • Redazione - Via Abate Gimma, 163 - Bari
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • 084 - 5213360

Puglia d'oggi per il Sociale

Has no content to show!

Style Setting

Fonts

Layouts( inner pages )

Direction

Template Widths

px  %

px  %