testata_web_pdo_5celeste.jpg
teaser_1_si_cambia_980x89.jpg

Agricoltura, stato di calamità per la siccità estiva

L'estate scorsa è stata deleteria per l'agricoltura pugliese, con una siccità prolungata che sta facendo sentire i propri effetti ancora oggi. Le conseguenze negative e devastanti, infatti, della mancanza di pioggie durante i mesi estivi si vedono soprattutto adesso, durante la campagna olivicola, di fondamentale importanza per tutto il comparto agricolo regionale.

A novembre, gli organi tecnici regionali hanno accertato la presenza delle condizioni per richiedere al Ministero la declaratoria di calamità naturale in Puglia.

Ovvia la soddisfazione di Domenico Damascelli, vicecoordinatore provinciale vicario del Popolo della Libertà, da sempre in prima linea in difesa strenua del comparto agricolo pugliese, che ha dato immediatamente impulso all’iniziativa.

“Da subito, nei mesi estivi – osserva Damascelli –, abbiamo sollecitato le amministrazioni locali affinché si prendessero seri provvedimenti per arginare il fenomeno della siccità, tenuto conto per di più che il caldo torrido ha creato problemi gravi e strutturali agli oliveti ed alla produzione agricola in generale. A metà agosto abbiamo inoltrato una dettagliata relazione e a fine agosto abbiamo sollecitato le istituzioni preposte, anche attraverso gli organi di stampa, ad attivarsi immediatamente per tutelare la nostra agricoltura. Successivamente, a settembre, la Regione ha avviato l’iter per la richiesta di calamità naturale. Dopo i necessari sopralluoghi degli operatori tecnici della Regione per la delimitazione del territorio, a fine novembre è stata richiesta al Ministero la declaratoria per la siccità”.

Così, il Ministro della Politiche Agricole, Alimentari e Forestali, Mario Catania, il 4 gennaio 2013 ha firmato il decreto per dichiarare lo stato di calamità naturale in Puglia.

“Numerosi i benefici e importanti le conseguenze positive -continua Damascelli- sia per tanti braccianti agricoli che non hanno potuto lavorare sia per le imprese che hanno subito il colpo. Nello specifico: proroga di rate di mutui agrari in scadenza, esonero parziale del pagamento dei contributi previdenziali e assistenziali in scadenza nei dodici mesi successivi alla data in cui si è verificato l'evento, mutui agevolati per la ricostituzione aziendale e per fronteggiare la crisi di liquidità dovuta alla perdita del prodotto”, elenca l’esponente del PdL.

“Dunque, avevamo visto bene. Il nostro impegno al servizio dell’agricoltura ha prodotto i sui effetti positivi ed è stato premiato. Il 13 e 14 agosto eravamo nelle campagne a controllare la situazione cercando di sensibilizzare, con energia, chi avrebbe dovuto prendere le decisioni in merito. La declaratoria, ora, consentirà l'attivazione degli interventi compensativi ex post del Fondo di Solidarietà Nazionale per ottenere le provvidenze in deroga al Piano assicurativo nazionale”, conclude soddisfatto Domenico Damascelli.

Scritto da Redazione
Newsletter



IMAGE
IMAGE
Decaro: io o Olivieri
Martedì, 07 Gennaio 2014
Non si conosce ancora la decisione dell'onorevole... Read More...

Locations

  • Redazione - Via Abate Gimma, 163 - Bari
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • 084 - 5213360

Puglia d'oggi per il Sociale

Has no content to show!

Style Setting

Fonts

Layouts( inner pages )

Direction

Template Widths

px  %

px  %