testata_web_pdo_5verde.jpg
teaser_1_si_cambia_980x89.jpg

Incidenti stradali: in calo in Puglia

Sono stati resi noti i dati relativi al primo semestre dell'anno appena concluso per quanto riguarda gli incidenti stradali della nostra Regione.

I dati, in calo rispetto al primo semestre del 2011, segnano un complessivo calo di tutti gli indici. Sono stati, infatti, rilevati 5.919 incidenti stradali che hanno provocato 121 vittime e lesioni a 9.553 individui. Il trend è in calo: si rileva il -2,3% di incidenti, il -3,9% di decessi ed il -5% di feriti.

Sono questi i primi dati del “VI Rapporto sulla sicurezza stradale in Puglia”, elaborato dall’Agenzia regionale per la mobilità.

"Cogliamo con soddisfazione la conferma di un costante trend in diminuzione, soprattutto dell'indice di mortalità” ha spiegato l'assessore regionale alle infrastrutture e mobilità Guglielmo Minervini nel corso della presentazione, “siamo passati da 462 morti nel 2001 ai 271 del 2011. Una riduzione del 41,3% che ci mette in linea con l'obiettivo europeo dell'abbattimento del 50% delle vittime della strada entro il 2020”.

Due le novità di questo rapporto: il raffronto con le altre regioni italiane e il focus sull'incidentalità legato all'uso della bicicletta.

Il fenomeno dell’incidentalità stradale nelle regioni italiane è strettamente correlato alla densità demografica delle regioni. Non a caso le 9 regioni più popolate d’Italia racchiudono l’80% circa dell’incidentalità totale. La regione più incidentata è la Lombardia con il 18,1% di incidenti, seguono il Lazio con il 13,1% ed Emilia Romagna e Toscana rispettivamente con il 9,9% ed il 9,1%.

La Puglia con il 5,9% si colloca all’ottavo posto di questa speciale classifica dietro il Veneto (7,6%), Sicilia (6,5%) e Piemonte (6,4%) e prima di Campania (5,0%) e Liguria (4,5%).

“Rispetto al 2010 abbiamo rilevato un -7,2% nella distribuzione di morti per incidente stradale. Questo dato – spiega Minervini – è stato ottenuto grazie alla diminuzione accentuata dei decessi nello spazio urbano nelle città. Le rotatorie e la gestione intelligenti degli incroci, messe in atto dai Comuni anche attraverso il Piano nazionale sulla sicurezza stradale, sono servite. Fuori dalle città il tema della velocità e della sicurezza richiede ancora una attenzione specifica, la riduzione è insufficiente e anche un solo morto resta un tributo gratuito”.

Un dato che invece deve far riflettere è che cresce sensibilmente il numero di incidenti che coinvolgono le due ruote. Nel 2011 hanno rappresentato l’8,5% del totale con un incremento del’1,2%. Nel 2011 in Puglia tali incidenti sono stati 449 e hanno visto la morte di 10 ciclisti e 512 feriti, di cui 428 in sella a una bici.

Scritto da Redazione
Newsletter



Invest
IMAGE
IMAGE
Decaro: io o Olivieri
Martedì, 07 Gennaio 2014
Non si conosce ancora la decisione dell'onorevole... Read More...

Locations

  • Redazione - Via Abate Gimma, 163 - Bari
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • 084 - 5213360

Puglia d'oggi per il Sociale

Has no content to show!

Style Setting

Fonts

Layouts( inner pages )

Direction

Template Widths

px  %

px  %