testaa_web_pdo_5rosso.jpg
teaser_1_raccontiamolapuglia_980x89.jpg

Aeroporti di Puglia: più traffico, meno voli

Cresce il traffico dei passeggeri nel 2012 negli aeroporti di Bari e Brindisi. I dati trasmessi da Aeroporti di Puglia registrano un incremento rispetto al dato del 2011: il totale complessivo dei due aeroporti, infatti, è stato di 5.860.500 passeggeri, l’1,65% in più rispetto ai 5.764.842 passeggeri dell’anno precedente.

In particolare nel 2012 il Karol Wojtyla di Bari ha registrato, tra arrivi e partenze,  3.765.181 passeggeri (905.941 di linea internazionale e 2.730.844 di linea nazionale), con un incremento dell’1,4% rispetto ai 3.712.865 passeggeri del 2011. Leggermente più alta (+ 2,1%) la crescita del traffico sull’aeroporto del Salento di Brindisi, passato dai 2.051.977 passeggeri del 2011 ai 2.095.319 dell’anno appena concluso: di questi 1.756.477 sono stati i passeggeri di linea nazionale (+2,5%) e 318.622 quelli di linea internazionale, +2,9% rispetto ai 309.590 del 2011.

Un 2012 ancora in progressione, quindi, nonostante sia più contenuta rispetto al passato, per il traffico passeggeri a causa del più generale contesto di contrazione dei consumi che sta interessando il nostro Paese – e più in generale l’Europa –  al quale, evidentemente, non può sottrarsi il mercato del trasporto aereo.

Per Domenico Di Paola, Amministratore Unico di Aeroporti di Puglia: “un primo aspetto che emerge è la stretta correlazione tra una sistematica riduzione dell’offerta – passaggio che ha interessato indistintamente tutti i vettori che attualmente operano sugli scali pugliesi – e la flessione del traffico passeggeri. Ciò, ad esempio, trova una sua concreta verifica nel drastico ridimensionamento della capacità di Rynanair sulla destinazione Spagna decisa dal vettore a causa dell’aumento delle tasse aeroportuali adottato dal Governo iberico.

Una situazione analoga a quella registrata sul fronte dei collegamenti nazionali: la ridotta offerta di collegamenti low cost – Ryanair su Roma Ciampino e Verona – e di voli operati da Alitalia/Air One su Bologna, Torino e Venezia  ha fortemente inciso sul dato finale registrato a Bari e Brindisi. A tal proposito appare del tutto evidente come l’offerta del vettore su Roma e Milano risulti ormai poco funzionale, se non addirittura inadeguata,  rispetto alla funzione di hub dei due scali.

Un ulteriore importante fattore di valutazione delle cause che hanno condizionato la crescita del traffico passeggeri sugli aeroporti pugliesi, sta nella decisione di Meridiana/Air Italy di azzerare i propri collegamenti su Milano e Verona: una decisione che il vettore ha motivato con la presenza sulle stesse direttrici di altri competitor low cost, ma che i buoni risultati registrati su entrambe le destinazioni sino al momento della soppressione dei collegamenti non sembrano suffragare”.

Scritto da Andrea Dammacco
Newsletter



IMAGE
IMAGE
Decaro: io o Olivieri
Martedì, 07 Gennaio 2014
Non si conosce ancora la decisione dell'onorevole... Read More...

Locations

  • Redazione - Via Abate Gimma, 163 - Bari
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • 084 - 5213360

Puglia d'oggi per il Sociale

Has no content to show!

Style Setting

Fonts

Layouts( inner pages )

Direction

Template Widths

px  %

px  %