Servizio Obike sospeso 1.500 bici abbandonate senza padrone

A puntare il dito su questa situazione è stato il consigliere comunale Andrea Guido che con un comunicato stampa alza il livello d’attenzione sul caso Obike e sulle bici rimaste senza padrone.
Il servizio di noleggio bici a “flusso libero”, il famoso oBike, è sospeso. La ditta di Singapore è fallita. Nel dare il funesto annuncio il sindaco Salvemini ha dichiarato che l’insuccesso della sperimentazione e la conseguente sospensione del servizio non è imputabile all’attuale Amministrazione. Da domani, quindi, si dovrà cercare qualche altro colpevole per le 1.500 di biciclette abbandonate, senza padrone. Perché si sa, e resta fondamentale, per questa Amministrazione Comunale è d’obbligo tenersi lontani dalle responsabilità, autoglorificarsi e, soprattutto, autoassolversi.
 
Rimane un dettaglio: proprio nel giorno della presentazione a Lecce (lo scorso 25 giugno) la società madre oBike cessava ogni attività presso la sua sede legale. Ma veniva ugualmente ritenuta idonea per il bando indetto dal Comune di Lecce. Poco importava di tutto ciò se si presentava l’occasione per un ulteriore facile bel proclama politico sulla mobilità sostenibile. Visto che il traffico veicolare cittadino era precipitato nel caos totale già con dai primi provvedimenti firmati Salvemini. 
 
Il servizio, in ogni caso, oggi lo ribadisco, era stato introdotto con metodi alquanto discutibili. Era stato annunciato come una grande rivoluzione a sostegno della mobilità, ma da subito si era rivelato per quello che era veramente: un servizio privato di free floating che in poche ore si era semplicemente tradotto in “prenditi una bici e lasciala poi dove ti pare”, in barba a regolamenti comunali, codice della strada e norme vigenti varie, tollerando occupazioni abusive di suolo pubblico da parte di un soggetto economico privato. 
Mi ricordo ancora l’intervento del moralizzatore Gabriale Molendini quando sollevai dubbi e perplessità su questioni come la tutela dei dati personali, sistemi di rintracciabilità dei mezzi e, soprattutto, solvibilità della ditta: “Povero Andrea Guido – disse – non ne azzecca una”.
Le 1.500 biciclette “monomarcia” con illuminanti istruzioni in tedesco, a differenza di quanto voleva farci credere anche il vice sindaco Alessandro Delli Noci, provenivano da una città tedesca che aveva deciso di liberarsene per problemi di sciacallaggio, scarsa manutenzione e abbandoni. Ora, però, problemi ancora più corposi, come il recupero e lo smaltimento, ovvero l’eventuale riconversione, sono tutti e solo nostri. Perché la ditta, che non esiste più ed è in liquidazione dall’altra parte del mondo, ovviamente non darà alcuna disponibilità a riguardo.
Comunicato stampa firmato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *